#ioleggoperchè

ioleggoperchè

“Il libro come esperienza da condividere.
Un link per connettersi al mondo.
Una rete cui appartenere.
Una passione da diffondere.”

Oggi 23 Aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore e l’Associazione italiana editori decide di celebrarla creando un vero e proprio movimento chiamato #ioleggoperchè. L’Italia risponde a questa occasione promuovendo a Roma e in altre quattro città (Milano, Cosenza, Sassari e Vicenza) eventi che coinvolgeranno tutti, dai giovani ai più grandi.
“Piazza un libro” è il nome che prenderanno tutti gli eventi che si svolgeranno in questa giornata.
A Roma gli eventi dedicati li troveremo al Teatro Argentina, alla Casa del Jazz, al MACRO di Via Nizza.
In particolare nella giornata del 23 Aprile gli eventi principali saranno i seguenti:

Alla Scalinata del Campidoglio dalle ore 14 alle 20 ci sarà un libero scambio di libri promosso dall’Associazione H2. Al Teatro Argentina dalle ore 16 alle 18 verranno letti dei brani selezionati dai libri di #ioleggoperchè e saranno presenti Luisa Mattia, Massimo Lugli e Cinzia Tani. Alla Casa del Jazz dalle ore 20 verrà proiettato il documentario “La gente che legge” di Paolo Di Paolo e Daniela Mazzoli. Al MACRO di Via Nizza dalle ore 17:30 alle 22:30 ci sarà l’ingresso gratuito a tutte le mostre in programmazione: 100 Scialoja, Luca Patella. Ambienti proiettivi animati 1964-1984, Amparo Sard. Limits, Nakis Panayotidis. Guardando l’invisibile. Dalle 19:30 inizierà una festa in terrazza accompagnata dall’intervento di molti autori e testimonial: sarà presente Ennio Peres e l’attore Edoardo Ferrario. L’ingresso è libero.

#ioleggoperchè… Principalmente questa è un’iniziativa promossa per coinvolgere più persone possibili che magari leggono poco e si stanno avvicinando al mondo della lettura. Oggi con la grande mole di strumenti tecnologici, di impegni e di vita frenetica abbiamo sempre meno tempo per leggere e per acquistare i libri fatti di cara e vecchia carta. Iniziative di questo tipo fanno bene, dato che bisognerebbe sempre incentivare la lettura e promuovere anche quei piccoli scrittori che per paura di “non essere acquistati” preferiscono non emergere e restare nell’ombra.

Cosa rappresenta per me leggere? Io leggo perché è un modo per rifuggire dalla realtà, entrare nella testa e nel cuore dei protagonisti di una qualsiasi storia. Inoltre quella sensazione di vuoto e di nostalgia che si prova quando si finisce di leggere un libro è davvero impagabile.

Buona festa del libro a tutti!

leggitea

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...